Vesperum in festo presentationis Virginis Mariae (Vespro della Beata Vergine, 1610), Claudio Monteverdi

16 09 2009

specialissima cornice e specialissimo repertorio per il prossimo concerto di cantus anthimi:

Domenica 20 settembre 2009  ore 21  Assisi,

Basilica Superiore

Solisti vocali e strumentali della

CAPELLA DVCALE VENETIA

Coro

CANTUS ANTHIMI

Direttore

LIVIO PICOTTI

Claudio Monteverdi

(1567-1643)

Vespro della Beata Vergine

(1610)

loc assisi f

Iniziativa promossa dalla Regione del Veneto in collaborazione con la Basilica Papale  e il Comune di Assisi in chiusura dell’anno 4 ottobre 2008 – 3 ottobre 2009 che ha visto il Veneto a nome dell’intera nazione offrire l’olio per la lampada votiva che arde presso la tomba di San Francesco.

Ingresso libero





per un enzino itinerante

7 08 2009

Ma per spengere gli scout c’è un interruttore da qualche parte? Domattina è già  finita e io stavo appena iniziando a capirci qualcosa. ma se ci passassimo enzino tutto l’ anno una settimana ciascuno? Con il cane ovviamente. il gallo che canta non glielo posso garantire ma lo trattiamo bene! Lo si condivide in comunità  da bravi fratelli. Non vedo perché si debba aspettare un anno per una conferenza di un’ora o per venir qua. enzino in affidamento provvisorio. scusate, deve essere il prosecco.





schemi

5 08 2009

Che cosa c è di ambiguo o difficile da comprendere nella frase “la cena è in silenzio”? Mi dispiace che questo dono non venga apprezzato da molti ma ancor più che da alcuni non venga affatto concepito! Gli anziani fanno molta fatica ad ascoltare tutto ciò che non sia uno schema imposto e un troppo delicato suggerimento cade nel vuoto. figli di una chiesa e di una società  che ha dettato regole e impedito lo sviluppo di un senso critico.





verso bose

4 08 2009

Alla stazione di novara c’è il binario 4a fra il 4 e il 5 ma non porta a hogwards. Alla stazione di biella esci e ti senti a pisa. Però salire sul pullmino e trovarci due toscani e l’ autista che sente pupo no eh! Zubiena cercatori d oro. biella santuario di oropa. torrazzo passeggiate. la prossima volta mi trattengo e faccio un giretto in quei paraggi. Enzino viene a farci lezione seguito da tufola un po’ affannata: batuffola di cane che più che accompagnare enzo nella stanza, si assicura che lui arrivi e si sieda, quando comincia a parlare lei si allontana di poco, si fa fare qualche carezza dai presenti, controlla che enzino sia sempre a fare il suo lavoro e poi se lo riporta via. una guardia del corpo in pratica. Uno scandalo non aver visto ancora un gatto e il mandriano non mi ha fatto avvicinare alle sue belle mucchine….





ASTRONOMIA E SACRE ARCHITETTURE levando gli occhi al cielo

11 06 2009

cantus anthimi canta di nuovo a padova, nella gigantesca santa giustina, ricordando galileo e le geometrie sacre, pochissime ore prima del solstizio d’estate.
se passate di là, non perdetevelo!
sorpresa: i nostri strumentisti stavolta son proprio d’eccezione…

Abbazia di Santa Giustina

Il cielo di Galileo

Padova
20 giugno 2009, h.21

ingresso libero

Chiesa, cupola
Tromba Andrea Barin

Chiesa
La Création du Monde
(1923) Darius Milhaud
suite de concert pour piano et quatuor à cordes
Prélude, Fugue, Romance, Scherzo, Final
Alessia Toffanin, pianoforte
Quartetto Paul Klee
Alessandro Fagiuoli, violino I
Stefano Antonello, violino II
Andrea Amendola, viola
Luca Paccagnella, violoncello
Ombre e luci tra scienza
e fede sotto il cielo di Galileo
Letture da documenti storici
Armando Carrara

In Principio Omnes Creaturae Viruerunt

In Principio Omnes Creaturae, Hildegard Von Bingen (1098 – 1179)
Ave Maris Stella  – Gregoriano
Mundi Renovatio,  Adamo di San Vittore (1177)
Aurea Personet Lyra,  Ms. St. Martial de Limoges (XII Sec.)
O Virgo Splendens Llibre, Vermell de Montserrat (XIV Sec.)
Ave, Tempio De Dio,Sacrato  – Laudario Giustinianeo (XV Sec.)
In Exitu Israel, Vincenzo Galilei (1520-1591)
Otce Nash (Padre Nostro), Canto di Tradizione Russo-Ortodossa
In Principio Omnes Creaturae, Hildegard Von Bingen (1098 – 1179)
Cantori Cantus Anthimi
Ulrike Wurdak, soprano
Paolo Tognon, dulciana
Matteo Zenatti, arpa
Direzione Livio Picotti





siccome oggi

21 05 2009

I HAZ A HAUS

ho scritto qui





my kefir, verso il formaggio di kefir?

11 05 2009

ecco, scopro di saper contare peggio dei corvi della regina…non ci capisco più nulla fra barattoli e vasetti e capra e mucca e fresca e uht…ricapitoliamo:
ho scolato alle 14 dell’110409 un barattolo da 700 ml in due vasetti piccoli, è mugello fresco. grani nella brocca grande, vasetto con uht intero con tracce di fresco mugello scolato in terzo vasetto e grani uniti alla brocca grande, con 600 ml di mugello a finire.
ok, scolato capra uht vasetto e rimesso i suoi grani in vaso da 700 ml a finire la bottiglia.
molto liquido quello di capra 3428863915_02880fd69c_b ma sono aumentati quindi tanto male non devono starci.
quindi in frigo ora: vaso di ieri, due di mugello, uno di uht e uno di capra, sul counter vaso di acqua, brocca di mugello e vaso di capra. ok torna tutto.
questo vuole anche dire che se riesco a differenziare tanto e ne ho anche regalati una piccola parte, stanno crescendo anche se non me ne accorgo.
cmq dal sapore formaggioso e dalla densità dell’ultimo kefir fatto con uht intero mi sa che mi lancio presto nella produzione di formaggio di kefir!! ci metto l’aneto, un po’ di sale e via!
il sapore del kefir al mugello è delicato e molto buono.
aiuto è nato un idillio fra il kefiran e il latte mugello, si sono moltiplicati appalla…buono il sapore, strana la consistenza, molto siero, quasi inseparabile il curd dai grani.
scolato il capra ps uht molto liquido sempre e riunito tutti i grani a nuovo uht giallo intero, in due vasi per la quantità.
ore 12 del 120409. il kefir pasquale è sulla via del formaggio, non pasquale di nome, non sono ancora arrivata a dargli un nome…insomma, se viene sempre così denso dopo sole 20 h davvero c’è da provare a filtrarlo e speziarlo alla formaggesca.
coglierò l’occasione che mi si presenta, come per il kefir d’acqua. tanto lo so che se non faccio programmi è meglio, seguendo la scia delle cose finora è andato tutto bene. come dovrei imparare a fare nella vita.
stasera mi è riscappato di provare a fare del pane. ho usato la stessa farina bio 00 esselunga dell’altro giorno e ci ho messo il kefir di capra uht ps, molto liquido e non tanto fermentato, se non lievita affatto scoprirò che quei grani, ormai riuniti per il latte vaccino, sono motti…vediamo.
boh, non ha lievitato un accidente ma il saccottino con aringa e burro è buono e croccantino oltre che morbido insieme, si sente il latte di capra che con il salato dell’aringa sta bene.
per il ripieno dei saccottini dolci ho messo una mela, uvette, limone, sgoratina di miele di castagno (devo finirlo) zucchero equo bio e kefir d’acqua a inzupparsi insieme, nell’impasto non ho messo sale.
il 130409 alle 10 ho filtrato tutto il kefir, ormai a grani unificati, e ho tolto il siero solo da uno dei due barattoli. consistenza granulosina anche a mescolare bene rimangono tanti micro-pippoli.
il 140409 ho filtrato tutto alle 14, dopo 28 ore. parte del coagulo si era depositata sul fondo, non so se prima aveva fatto il coagulone separato dal siero come per l’avvio precedente, ho unito il contenuto di un barattolo, con siero, al kefir del giorno prima, l’altro barattolo l’ho filtrato da solo dopo aver aspirato il siero.
i granuli galoppano abbastanza, la consistenza non mi sconfiffera troppo (uht intero giallo).
ho deciso di mettere i grani in frigo in 350 ml di latte. la donna non vive di solo kefir.
a. e u. hanno dimostrato di gradire i grani quando le rivedrò per darglieli eheh….