II puntata, secondo livello: bisogni di sicurezza

2 06 2008

il dummy, adesso attivo nella produzione di documenti, protetto per navigare in internet liberamente e con un browser che non fa tante bizze, inizia a sentire bisogni che lo facciano sentire a casa.
la casa del dummy web 2.0 è in buona parte rappresentata da papàemamma google, vediamo perchè.

1) google, motore di ricerca per informazioni, immagini, mappe, notizie e molto altro ancora, è il motore più usato e conosciuto del web, forse perchè funziona bene e non tedia il lettore con immagini pubblicitarie che distraggono l’attenzione.
oggi google ha molte emanazioni di sé, la più rilevante che ci fa iniziare a costruire qualcosa di comunicativo e sociale è

2) gmail, un account di posta elettronica da web, con pop3 per altri account, con vari giga di spazio per archiviare senza bisogno di buttar via roba.
una volta creato l’account di posta elettronica sullo snello e sobrio gmail si potrà accedere a

3) gtalk, una piccola chat interna alla pagina dell’account che può anche essere scaricata a parte ed essere usata per instant messaging (IM)

4) e a google reader che è invece un aggregatore di notizie e di blog. via via che le cose che vengono pubblicate sui siti da noi preferiti, le riunisce e le fa comparire in una lista che scorriamo semplicemente e comodamente. per me sostituisce la lettura del giornale, la visione dei telegiornali e la fatica di ricordarmi “ah, come era quel sito carino? dove l’ho messo il bookmark?”. tutto quello che i miei blog preferiti pubblicano e anche i commenti ai post, vengono radunati qui, ma voglio far parlare il filmato dei lefever che avevo segnalato nella puntata introduttiva: rss feed.
il risparmio in termini di tempo fra leggere da un reader e controllare i siti pagina per pagina è inestimabile.

5) last but not least il blog, eh sì, proprio un blog…che è? a che serve? come si usa? perché dovrei averne uno? alle domande tecniche risponde l’ottimo video dei lefever sui blog
sul perché si potrebbe parlare ore. un blog può essere solo professionale, solo per diffondere una propria passione e dire a tutti chi sei e che fai, solo personale e completamente anonimo, solo un diario; un blog è un pezzetto di te, di casa tua e non c’è un modo giusto o sbagliato di tenerne uno. ci sono tanti modi e significati. il blog su blogspot è facile da gestire, permette di aggiungere dei contenitori in cui caricare documenti ed mp3 (tramite box.net per esempio) o diffondere le notizie più apprezzate dal proprio reader oltre a tante altre funzioni aggiuntive (widget=web gadget)
una volta aperto l’account gmail su google si potrà accedere anche a una pagina che riunisce tutti gli account google creati e quindi alla posta, al reader, al proprio blog, ai documenti, alle foto e molto altro.

6) infatti google ha anche creato docs google o gdocs che è un pacchetto office efficiente e comodo, portatile in quanto online, con caratteristiche praticissime e di condivisione per certi versi molto meglio perfino dell’amato openoffice. vedetevi il filmato. personalmente lo uso alternatamente con open office dato che a volte è comodo avere documenti on line, a volte è utile invece averli sul pc se non si ha connessione. brillante la funzione di sharing!!

adesso il dummy è felice e sitibondo di nuove conoscenze, ama stare on line, leggere, scrivere, confrontare le proprie idee con quelle degli altri.
scatta una nuova dimensione sociale.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: