16 dicembre

16 12 2007

questo giorno fino a qualche anno fa mi tormentava, il ricordo del compleanno di n., andare a perugia per trovare pace sulla sua tomba…..
credo di esserne uscita a pieno negli ultimi anni.
stamani mi sono svegliata con un’energia positiva, decisa, quasi felice, uno perche’ ho sognato bene, due perche’ ieri sera la pazza ha detto fra le varie fole che l’ass soc le avrebbe procurato un posto dove stare, anche se fino al pomeriggio stesso diceva che non avrebbe potuto far nulla se non veniva al domicilio…insomma, se c’e’ una traccia di verita’ pare che sia sistemabile da qualche parte e questo mi ha tolto un gran peso dal cuore, mi ha fatto un’iniezioncina di forza per cambiare la mia vita e rimuovere questo senso costante di lutto di quando penso al futuro.
insiste a dire che lei e’ qui perche’ io ho bisogno di lei, accidenti a mio padre che per farla ricondurre un minimo alla realta’ della madre che e’ stata per me, le ha fatto notare che e’ stata assente, questo assente lei lo ha interpretato fisicamente. non si rende conto che l’attaccamento non e’ amore…come puoi insegnarlo ormai se non ha piu’ la madre, con cui aveva gia’ chiuso da 20 anni e ha ormai 60 anni, troppo giovane per alcune cose, troppo in la’ per altre.
come puo’ capirlo se per lei il rispetto per i genitori qualunque cosa abbiano fatto o facciano e’ primario in confronto al rispetto per se stessi, per la vita, per la giustizia?
io glielo devo, dice che le devo tutto questo, si stupisce che io mi incazzo perche’ non e’ minimamente grata se l’ho ripresa in casa….
e’ stata usata tutta l’infanzia e nonostante cio’ li difende, i suoi. con che faccia pensa che possa fare lo stesso con me e io taccia?!
mi rendo conto che nonostante la veemenza con cui cerca di fare un ragionamento logico, non ha nessuna non dico capacita’ ma nessuna tendenza all’ascolto di chi le sta davanti. il mondo finisce dove la sua mente riesce a elaborare, per cosi’ dire, un pensiero. non c’e’ modo di riportarla sui fatti, per lei e’ tutto un’opinione, non ci sono i fatti, io la penso cosi’ e te cosa’, ovviamente le due cose non coincidono mai…chissa’ perche’.
ieri sera le ho chiesto se aveva qualche intenzione di riprovare ad avere un qualche rapporto con me e ha detto certo che si’, che avrebbe firmato le mie condizioni sulle cure psichiatriche anche se non la tenevo sotto questo tetto.
stamani e’ diventato: ma te ieri sera hai detto che volevi avere un rapporto con me ed e’ cosi’ che mi tratti?! quanto durera’ il ricordo della realta’ del fatto di aver detto che avrebbe firmato per le cure psichiatriche prima di mistificarlo e manipolarlo al suo assurdo tornaconto?
le fantasie sulle cose della vita che le escono dalla bocca hanno dell’incredibile come se vivesse in una realta’ parallela in cui le persone sono un mero accidente e le fanno solo del male….e’ insostenibile a volte cercare di farla ragionare, e’ troppo difficile per me da sola, non ce la faccio. io so che finche’sono tesa e arrabbiata riesco a volgere le cose positivamente e a fare le mie cose un po’ ma e’ sempre li’ in agguato il lato oscuro, il lutto, la depressione, che se non mi coglie preparata dal poter esser supportata da mille cose positive, mi agguanta e non mi molla. per fortuna non lavorando non posso stavolta scaricare i problemi sui ragazzi, e’ l’unico modo che ho per difenderli da quel lato di me, star loro lontana.
se vanno male gli esami sara’solo un problema mio e ne sono contenta.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: