care ostriche,

5 12 2007

sono contenta che il nome che la mia mente travisa sia diventato abbastanza di moda, spero solo pero’ che non contenga il germe del significato che le vostre colleghe professioniste rispecchiano un po’ (sono spesso chiuse alla collaborazione e difficilmente fanno entrare nel loro territorio).
fiduciosa in un futuro di brillanti collaborazioni interdisciplinari con le giovani future professioniste, certa che i costanti approfondimenti delle conoscenze parallele al lato medicale di gravidanza e puerperio vi conducano ad ampliare le possibilita’ della vostra professione e del concetto di benessere in gravidanza, vi butto li’ una nient’affatto velata proposta di futura collaborazione, magari conoscendoci meglio nel tempo, per organizzare i corsi preparto.
ho finito domenica 2 il mio corso di specializzazione di “musicoterapia per gestanti e primissima infanzia” e ne sono uscita con moltissime idee ben confuse ma con la certezza che si puo’ e si deve fare tanto, tantissimo, per poter far entrare la musica e il sonoro nella coscienza della coppia parentale affinche’ il feto, la madre e la coppia stessa possano trarne immensi benefici che si protraggono nel tempo. inoltre amo l’idea del riportarsi quanto piu’ possibile verso il parto naturale e il riappropriarsi, quando la salute lo permette, dell’animalita’ e della presa di decisioni della partoriente, cosa che mette in risalto anche la professionalita’ di una buona ostetrica. niente a che fare con idee new age, sia chiaro. nei miei interessi c’e’ un pezzettino di cuore riservato ai futuri padri che rivelano spesso dolcissime sorprese, vanno messi un po’ piu’ in risalto!
vi lancio qui per ora solo una listina di libri, non legati alla musicoterapia, che mi sono piaciuti e serviti, anche se so che siete iperimpegnate con lo studio, mi fa piacere diffonderli.
gli autori sono medici e/o psicologi:
primo su tutti
frederick leboyer – “per una nascita senza violenza”-il parto dal punto di vista del bambino- tascabili bompiani
stesso autore i dvd “nascere e shantala” e “il rito della nascita” ediz. red
alfred a. tomatis – “dalla comunicazione intrauterina al linguaggio umano”, per voi meglio “la notte uterina” se lo riuscite a trovare, io non ce l’ho :O(
p.manfredi e a.imbasciati– “il feto ci ascolta… e impara” ed. borla
michel odent -“ecologia della nascita”-una via antica e nuova al parto naturale ed.red
david chamberlain -“i bambini ricordano la nascita” ed. bonomi

ovviamente non sono bibbie e tutto e’ discutibile ma spero vi tornino utili prima o poi.
saluti.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: