coming out: puo’ davvero essere il dolore di una madre?

25 11 2007

uff….ho passato la giornata con x rassegna corale dove conoscevo tanti coristi, divertiti, carino.
x in crisi nera, non l’ho mai visto cosi’ sore, per lui e per sua madre: ieri e’ venuta fuori l’occasione di fare coming out e sembra che l’abbia presa proprio male.
io pensavo fosse impossibile avere gente nata negli anni ’50 che nel 2007 ancora vede come unico futuro felice possibile la coppia etero e la creazione forzata di una famiglia.che la felicita’ rispetto alla realta’ delle cose possa essere in secondo piano, che non sia contemplata la diversita’ e davanti ai fatti uno stia cosi’ male. per non parlare dell’altro genitore a cui non puoi nemmeno pensare di dirlo perche’la prenderebbe troppo male. che tristezza, con tutti i passi di accettazione della diversita’ che ho fatto in vita mia non posso pensare di voltarmi e vedere persone cosi’ indietro. forse devo ringraziare di essere stata cosi’ in aperto contrasto con tutte le cose della vita anche attraverso i miei che mi hanno allenata e carenata a delusioni continue e reciproche a tanti litigi tanta rabbia tanta ansia ma ora so che non c’e’ diversita’ che mi spaventi, che mi preoccupi, che non accetterei e abbraccerei se vi sono davanti. ma che ne e’ del lutto, della malattia, della sofferenza….sono queste le disgrazie? avere un figlio omosessuale? puo’ condurre a una tale depressione che nessuno puo’ sapere, che stai cosi male e lui sta male con te, madre, di conseguenza….io credo che quel ragazzo voglia troppo bene a genitori che forse non lo meritano, e’ troppo in gamba, troppo a posto, troppo serio. se non trovano una via piu’ alta di considerare la cosa, di elaborare la crisi, rimettendo in nuova discussione la fede e il loro modo di considerarla, non abbracceranno quel caro ragazzo e le sue scelte di vita, anzi, solo la sua natura per ora. gli scossoni servono tanto, fanno male ma quanto ci insegnano! spero tanto che questa madre prenda in mano le redini dell’amore per suo figlio e si scuota da questo torpore di mancanza di fede viva, si trasfiguri in una madre che impara a conoscere e che non giudica rispetto a un metro cosi’ corto un figlio e che possa vedere con gli occhi senza il velo che e’ una persona cosi’ ricca anche se non si sposera’….
stasera hanno introdotto il concerto con una frase che non ricordo esattamente ma mi e’ piaciuta molto:
la vera ribellione sta nel mettersi a guardare una rosa.
niente per caso.

Annunci

Azioni

Information

One response

28 11 2007
Cli

ciao mafalda!!! anche se non ci conosciamo volevo ringraziarti per i commenti che hai fatto sul mio blog.. mi hai fatto sentire meno sola!!!! grazie grazie grazie 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: